Le gallerie raccolgono una piccola
leggi tutto

gallerie

Nei secoli passati i Valit, provetti scalpellini-muratori, si resero protagonisti di un’emigrazione qualificata, la quale, se da un lato produsse elevati costi sociali, dall’altro permise di contenere la domanda alimentare e di introdurre in Valle i proventi derivanti dal lavoro esercitato all'esterno. Grazie a loro troviamo opere in sienite dell'Alta Valle in tutto il mondo.

vai alla galleria "le donne"

Una selezione delle decine di fotografie realizzate da Gianni Valz Blin all'inizio degli anni '60 agli alpeggi dell'Alta Valle, testimonianza preziosa perché molti di essi versano ormai in pessime condizioni a causa del progressivo abbandono. L'intera serie è esposta nella Casa Museo.

vai alla galleria "le donne"
vai alla galleria "le donne"

All'interno dell'organizzazione familiare della Bürsch la donna rivestiva il doppio ruolo di madre, sola ad allevare la prole perché padre e marito lavoravano lontano, e di lavoratrice che si impone l'autosufficienza economica per non intaccare i guadagni dell’uomo, destinati ad evenienze straordinarie, nonché l’assunzione di decisioni determinanti per le sorti di chi rimaneva.

CASA MUSEO DELL'ALTA VALLE DEL
le donne
gli alpeggi
i lavori
ancoraistituzioni1
visita virtuale
ESTATE
seguici su FB ESTATE